Arredo urbano: "disastro" a Ciriè

Stampa Home
Articolo pubblicato il 15/06/2017 alle ore 08:32.
Arredo urbano: "disastro" a Ciriè 3
Arredo urbano: "disastro" a Ciriè 3

CIRIE' - No, purtroppo non si tratta di reperti archeologici in grado di attirare folle oceaniche di turisti.
Cubetti di porfido, paletti dissuasori  del traffico e altro ancora giacciono desolatamente sull’asfalto cittadino. «Via Fiera si trasformerà, di questo passo,  in poche settimane in una mulattiera... I cubetti di porfido continuano a saltare come tappi di spumante, neppure fossimo già al 31  dicembre!» si lamenta un residente.  Un dato appare certo: la manutenzione del centro storico sembra ormai essere stata dimenticata. Magari in attesa di  quella  famosa «riqualificazione da almeno   un trentennio ventilata ma mai realizzata? Lasciando da parte la pedonalizzazione dell’intero centro nelle ultime settimane si vocifera, anzi si sussurra (perchè Ciriè  è stata  in passato una «città di charme» ...) della istituzione di  nuove isole pedonali. Un esempio? Via Fiera potrebbe proprio essere prescelta per  trasformarsi in «isola» sull’esempio di via San Ciriaco. In questo caso gli automobilisti perderebbero  la possibilità di accedere da via Vittorio Emanuele direttamente ai parcheggi di  piazza Castello.  Ma  niente paura (o almeno si spera...) l’Amministrazione comunale, con i migliori uomini dell’ufficio tecnico e viabilità, starebbe  predisponendo una nuova «rotta» per gli automobilisti ciriacesi: via Cavour cambierà  senso di marcia  con i mezzi  che si immetteranno da via Vittorio per  poi circumnavigare  l’oratorio Magnetti e sbucare (si spera indenni) sino in piazza Castello. Ma, naturalmente, si tratta solo di ipotesi. Intanto l’arredo urbano cade sempre più, desolatamente  a pezzi... E di questo passo, senza più cubetti di porfido, «l’isola» nascerà per azione, diciamo, spontanea. Riusciremo a trarre in «inganno» qualche turista giapponese amante dell’orrido? Oppure  il centro storico diventerà set ideale per qualche nuovo film di Dario Argento?

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica