Bonifica amianto asilo via Montessori, i 5 Stelle lanciano l'allarme: «Il cantiere è pericoloso?"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17/05/2017 alle ore 17:06.
Bonifica amianto asilo via Montessori: i 5 Stelle lanciano l'allarme: «Il cantiere è pericoloso?"
Bonifica amianto asilo via Montessori: i 5 Stelle lanciano l'allarme: «Il cantiere è pericoloso?"

Ciriè. La bonifica dell’ex asilo di via Montessori può essere pericolosa? A domandarselo è il consigliere di opposizione Franco Silvestro (Movimento 5 Stelle). Nei giorni precedenti sono iniziti i lavori di bonifica dall’amianto, dell’ex asilo di via Montessori. Il consigliere pentastellato ha voluto domandare all’azienda che realizzando l’opera, se tutto sia svolto seguendo le norme di sicurezza. «Non volevo allarmare nessuno, ma volevo invece tranquillizzare le persone. Volevo sapere se si dovessero prendere accorgimenti quali: chiusura delle finestre durante i lavori o ancora non stendere il bucato fuori. Fin dall’inizio non riuscivo a spiegarmi la riluttanza e il riserbo con cui la giunta stesse gestendo la vicenda. Il cantiere era iniziato in sordina, i miei tentativi di informarmi coinvolgendo il responsabile del cantiere venivano sistematicamente bloccati. Va da sé che non esiste nessuna privacy o quant’altro da tutelare. La scelta è totalmente discrezionale (ed arrogante) da parte dell’amministrazione. Probabilmente illegittimo il divieto di invitare alla riunione un mio consulente- ha spiegato il consigliere di opposizione Franco Silvestro - La sostanza è una sola: l’operazione di bonifica è stata organizzata dalla precedente amministrazione, e quindi l’attuale ha deciso per il silenzio tombale. Per motivi di bassa politica si è scelto di trascurare l’occasione per rimarcare l’importanza di questi temi, nonché di fregarsene dell’opportunità di tranquillizzare i residenti del posto. Nella voluta immobilità dell’amministrazione, ho scelto di puntare i piedi, e di qui la riunione tanto voluta. La vincenda ha questi risvolti: la società Cooper& Standard voleva costruire/ampliare dei capannoni a Ciriè. Invece di pagare, come di solito avviene, gli oneri di urbanizzazione al comune, si è impegnata a fare la bonifica a propria cura e spese. Il comune ha accettato e il valore dell’operazione è di circa 100mila euro. Coooper&Standard ha affidato la bonifica ad una ditta specializzata, che è quella che sta operando. Rispetto alle previsioni si sta controllando se esista ulteriore materiale tossico anche nell’area dell’ex cucina. Questo inciderà un po’ sui tempi. Si ipotizza il termine dei lavori per metà giugno». «I lavori di demolizione dell’ex asilo di via Montessori, curati ed eseguiti sotto la responsabilità di un soggetto privato - la ditta Cooper Standard – proseguono, nei tempi preventivati - risponde l’assessore Alessandro Pugliesi - L’azienda, che sta eseguendo i lavori a sua cura e spese, nell’ambito di un intervento di compensazione ambientale correlato ai lavori effettuati dall’azienda stessa presso il proprio stabilimento in Via Torino, è tenuta ad effettuare lo smaltimento a norma delle componenti in amianto e a tutte le altre operazioni necessarie per restituire al Comune, proprietario del terreno, un’area libera e agibile. I lavori vengono eseguiti dalla Cooper Standard sotto l’attenta vigilanza dell’ASL, che attua i suoi controlli anche tramite sopralluoghi e campionamenti, fino alla definizione della restituibilità dell’area al Comune, momento in cui la Cooper Standard potrà ritenere completato l’intervento cui è tenuta. “Come Comune, sebbene l’intervento non sia realizzato dall’ente e la vigilanza sia compito dell’ASL, siamo particolarmente attenti all’andamento dei lavori e alla tutela della salute dei residenti – prosegue – La nostra costante attenzione si concentra in modo particolare sul corretto smaltimento delle parti che contengono amianto o altri rifiuti speciali, per tutelare i cittadini e per assicurare che il Comune ottenga, alla fine dei lavori, un’area da destinare a verde pubblico, bella e fruibile da parte di tutti”.

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica