Cosa fare se si è coinvolti in una valanga? Ecco i consigli del Cai

Stampa Home
Articolo pubblicato il 28/01/2017 alle ore 12:00.
Cosa fare se si è coinvolti in una valanga? Ecco i consigli del Cai 2
Cosa fare se si è coinvolti in una valanga? Ecco i consigli del Cai 2

Dopo i tragici fatti dell'Italia centrale, vi proponiamo i preziosi consigli del Club Alpino Italiano utili a tutti coloro che vivono o frequentano le montagne.

Autosoccorso tra compagni L’autosoccorso dei membri del gruppo è immediato dopo l’incidente in valanga. Aiuto tra compagni = massima probabilità di sopravvivenza. Comportamento durante l’incidente in valanga Travolto (se possibile): • Cercare una via di fuga laterale • Liberarsi di sci (o racchette) e bastoncini effetto ancoraggio • Cercare di rimanere in superfi cie • Chiudere la bocca, incrociare le braccia davanti alla faccia vie respiratorie protette quando la valanga si ferma Con sistemi che facilitano l’espulsione o la sopravvivenza (es. Airbag, Avalung, ecc.): rispettare le indicazioni fornite dai costruttori Non travolti: • Osservare attentamente il punto di scomparsa del travolto e la direzione di scorrimento della valanga individuare la prima fascia di ricerca. Mezzi di soccorso Equipaggiamento di soccorso personale Solo la combinazione di ARTVA, sonda e pala rende possibile una localizzazione e un recupero veloce ed effi ciente. All’ARTVA segue la sonda - alla sonda segue la pala non deve mancare nessun anello della catena! (ARTVA = Apparecchio per la Ricerca Travolti in Valanga). Piano d’emergenza in caso di incidente valanga • Farsi un quadro generale della situazione • Spegnere tutti gli ARTVA non utilizzati per la ricerca • Almeno un soccorritore cerca immediatamente qualunque indizio utile: guardando, ascoltando e con l’ARTVA • Ricerca ARTVA conclusa: tutti gli ARTVA subito in trasmissione • Recupero - primi soccorsi.
Allertare il 112 (o 118, ad interim) Adeguarsi alla situazione e al rapporto tra numero di soccorritori e di travolti (p.es. allertare subito 112). ARTVA: pratica e interferenze • Trattare l’ARTVA con la massima cura! • Effettuare test delle pile e autotest dell’apparecchio • Evitare la vicinanza di altri apparecchi elettronici (p.es. cellulari, radiotrasmittenti, lampade frontali), elementi metallici (p.es. coltelli da tasca, bottoni magnetici) o un altro ARTVA • Durante la ricerca rispettare una distanza minima di 50 cm da questi apparecchi; se possibile spegnere gli apparecchi elettronici, spegnere i cellulari. Metodi per indossare l’ARTVA • L’ARTVA viene portato con il dispositivo di fi ssaggio sul primo strato di indumenti e tenuto indossato durante tutta la gita. • L’ARTVA deve sempre essere coperto da almeno un indumento. • L’ARTVA va sempre portato con lo schermo rivolto verso il corpo. • “Tasca sicura”: non usare tasche esterne, chiudere la tasca (interna) sempre con una lampo e agganciare il cinturino (ad un passante o alla cintura).

Territori

Cronaca

  • Motociclista ferito

    24-06-2017
    Brutta avventura per un giovane a bordo di una motocicletta Suzuki, che mentre percorreva via Torino, in direzione Balangero, ha perso il controllo
  • Miss Canavese, per il nuovo calendario

    24-06-2017
    Partecipare è molto semplice: basta inviare una mail a ilcanavese@netweek.it con allegata la vostra fotografia, e indicare nome e cognome, età...

Cultura

Economia

Sanità

Politica