Evade dal carcere: si era autoaccusata di aver ucciso un centauro

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/06/2017 alle ore 18:14.
Evade dal carcere: investì e uccise un centauro 3
Evade dal carcere: investì e uccise un centauro 3

TORINO - E' evasa oggi, lunedì 19 giugno, nel primo pomeriggio, dal carcere Le Vallette  la ventiduenne bosniaca di etnia rom coinvolta nell'incidente  di strada Aeroporto di venerdì 12 maggio che costò la vita a Oreste Giagnotto, 58 anni, centauro torinese. La ventiduenne era detenuta  nella sezione Icam,  nell'intercinta delle carceri, lasciando nella culla la figlia di poco più di 1 anno, Secondo la prima ricostruzione delle guardie penitenziarie avrebbe scavalcato un cancello per poi fuggire all'esterno. La ragazza si era autodenunciata  dell'incidente raccontando alla Polizia Stradale che era lei alla guida del camper che aveva fatto inversione a "U" in tangenziale proprio mentre  il motociclista stava sopraggiungendo, per poi dileguarsi dal luogo dell'incidente mortale. Dopo circa mezz'ora la donna (ma  gli inquirenti hanno sempre sospettato che alla guida ci fosse un uomo...) era ritornata  raccontando la "sua verità" ed era stata così arrestata per omicidio stradale.

Evasa carcere investitrice Oreste Giagnot



 


 

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica